Arrivano 12 nuovi ecografi per ospedali e ambulatori. L’ASLTO3 investe 500.000 euro.

Le apparecchiature destinate a Pinerolo, Rivoli e Venaria

Proseguono gli investimenti dell’Asl To3 per rinnovare le apparecchiature mediche nei presidi ospedalieri e negli ambulatori. Sono infatti stati acquistati 12 nuovi ecografi, accessoriati e caratterizzati da differenti destinazioni d’uso, che stanno gradualmente arrivando in queste settimane nelle strutture sanitarie.

I macchinari sono tutti ecografi “di fascia alta”, con tecnologia all’avanguardia, e sono di quattro tipologie diverse: per gli esami di ecografia internistica, cardiologica, ginecologica e portatili, con diverse possibilità di utilizzo. Andranno nella gran parte dei casi a sostituire attrezzature obsolete, migliorando la qualità delle prestazioni a beneficio di pazienti e operatori.

L’azienda sanitaria li ha acquistati aderendo a un bando Consip – la centrale di committenza nazionale per le amministrazioni pubbliche – per una spesa totale di 497.000 euro. Sette di questi ecografi saranno utilizzati all’ospedale di Pinerolo, tre all’ospedale di Rivoli, due presso il Polo sanitario di Venaria (in aggiunta a quelli recentemente destinati all’ospedale di Susa).

In dettaglio:

  • 2 ecografi internistici (Pinerolo – Dipartimento chirurgico / Rivoli – Urologia)
  • 3 ecografi cardiologici (Rivoli – ambulatorio cardiologia / Pinerolo – ambulatorio cardiologia / Venaria – ambulatorio cardiologia
  • 1 ecografo ginecologico (Pinerolo – sala parto)
  • 6 ecografi portatili (Pinerolo – Dea / Pinerolo – Rianimazione / Pinerolo – Pediatria / Pinerolo – Cardiologia / Rivoli – Dea / Venaria – Punto di primo intervento)

“Da anni l’Asl To3 è impegnata in un piano di rinnovo delle apparecchiature mediche – commenta il Direttore Generale dell’Asl To3 Flavio Boraso -. L’acquisto di questi nuovi ecografi rappresenta un ulteriore investimento di grande importanza per migliorare la dotazione tecnologica a disposizione nelle strutture sanitarie e aumentare la qualità dei servizi offerti”.

Lascia un commento

Skip to content